Cultura - Territorio - Tradizioni

L’amministrazione Stirati si è distinta per l’impegno nell’ambito culturale: un’offerta culturale ricca e articolata è elemento essenziale per una migliore qualità della vita, un importante motore per lo sviluppo economico e la coesione sociale e un investimento imprescindibile per le generazioni future.

Per questo ci proponiamo di:

  • realizzare uno spazio per eventi culturali con grandi numeri;
  • valorizzare “marchi” che rendono Gubbio una città unica nel panorama italiano e mondiale.
  • Allestire un museo esperienziale delle Tavole di Gubbio e degli Antichi Umbri, casa di esperienze immersive, workshop ed esposizioni temporanee. Un museo “diffuso” collegato a percorsi turistici sulle tracce degli antichi umbri;
  • riprogettare e sostenere la valorizzazione della Gubbio di epoca romana;
  • Continuare l’investimento già cominciato per il Teatro romano di Gubbio, per renderlo capace di ospitare una stagione di prosa di qualità;
  • Potenziare l’offerta culturale del Teatro comunale “Ronconi”;
  • Vogliamo costruire, attorno a dei percorsi di alta formazione (LUMSA e Università di Perugia), progetti di valorizzazione nazionali e internazionali al fine di promuovere la nostra città;
  • promuovere la nascita di veri e propri distretti culturali territoriali, dotati di strumenti operativi che consentano il recupero di efficienza economica e il perseguimento di obiettivi comuni elaborati su interessi convergenti.
  • concentrare le risorse su eventi chiave, attivare collaborazioni con associazioni e reti di imprese in grado di contribuire in termini di servizi, migliorare la capacità di selezione, calendarizzazione e gestione degli eventi da parte degli uffici comunali.
  • Favorire la centralità dell’artigianato artistico come volano per l’economia e la riqualificazione sociale attraverso percorsi di formazione professionale sugli antichi mestieri e attraverso una più stretta collaborazione con scuole, università e accademie.
  • Favorire il reinsediamento nel centro storico delle botteghe artigianali con tutte quelle forme di agevolazione praticabili, necessarie alla realizzazione di una nuova “città dei mestieri.
  • Continuare ad essere promotore del Festival del Medioevo: dobbiamo far crescere ancora la manifestazione, coinvolgendo sempre più segmenti della società eugubina. Costituzione di una fondazione che possa assicurare continuità e solidità a questa manifestazione.
  • Perfezionare l’istituzione dell’Ente Torneo dei Quartieri.
  • Individuazione e realizzazione di uno spazio dedicato al Lupo di Gubbio, lungo la Via di Francesco, che possa potenziare l’immagine di Gubbio legata al francescanesimo.
  • Ideare progetti attrattivi per giovani artisti che possano risiedere per periodi di studio e scambio a Gubbio